Separazione: come dirlo ai figli ?

Indice dei Contenuti

In questo articolo vedremo come comunicare la separazione ai figli.

La vostra coppia non funziona più e avete deciso di separarvi, ma ora dovete affrontare lo scoglio più grande: quello di dirlo ai vostri figli.

Non è facile dare una notizia così grave, soprattutto se si ha a che fare con bambini piccoli, ma anche gli adolescenti sono particolarmente sensibili a questo tipo di accadimenti.

Esistono degli studi effettuati da Psicologi che dimostrano quanto sia importante dialogare con i propri figli per renderli consapevoli della inevitabilità di questa decisione e di quanto sia primariamente importante rassicurarli nel concreto.

Ma come fare per non causare danni o quantomeno per arginare il mare di emozioni negative che sicuramente scaturirà da una notizia come questa, e come parlare nel modo giusto?

In questo articolo cercheremo di fornirvi alcuni strumenti utili per affrontare al meglio la situazione.

Comunicare la separazione ai figli

È fondamentale informare i figli ed è opportuno farlo prima che la separazione avvenga fisicamente.

Sarebbe utile prepararli con una buona dose di anticipo, se possibile, per evitare loro che al trauma della separazione si aggiunga quello della mancata elaborazione del lutto.

Si tratta infatti di un dolore che deve seguire, per essere accettato e “digerito”, le stesse fasi dell’elaborazione di un lutto: anche se nessuno fortunatamente è morto, a venire meno in questo caso è la famiglia, la coppia genitoriale.

Un evento destabilizzante per natura.

Nei fatti però, sono davvero pochi i genitori che danno spiegazioni di ciò che sta accadendo e sono ancora meno quelli che danno la possibilità ai figli di porre loro delle domande.

Questo perché dare delucidazioni causa ai genitori molta ansia e preoccupazione e per questo si preferisce evitare di farlo, avendo già sulle spalle il peso della decisione che si è presa e delle sue conseguenze. Si temono le reazioni dei figli, che potrebbero essere brusche, e si teme di perdere il controllo delle proprie emozioni.

Anche il senso di colpa gioca un forte ruolo, mentre la paura di essere giudicati o biasimati prende spesso il sopravvento sul resto.

Ma un genitore non deve lasciare che la paura lo domini: in questi casi infatti bisogna farsi forza e affrontare la situazione con coraggio e con quanta più saggezza possibili.

Ai figli dobbiamo molto e soprattutto in un momento così critico facciamo sentire che siamo presenti, che ci siamo, che li ameremo sempre e comunque, nonostante il divorzio.

Nonostante tutto, i figli hanno il diritto ed il bisogno di sapere cosa sta succedendo e di come, nei fatti, questa separazione influenzerà le loro vite.

Fornire informazioni adeguate all’età aiuterà i vostri figli a far fronte ai molti cambiamenti che avverranno nella loro vita, li farà sentire meno ansiosi. Inoltre vi aiuterà a stabilire una vicinanza sana ed un modello di comunicazione adeguato con loro.

Anche se le modalità in cui darete la notizia ai vostri figli cambieranno a seconda della loro età (ad esempio, i bambini in età prescolare non capiscono concetti importanti come separazione o divorzio, ma capiscono che mamma e papà non vivranno nella stessa casa e che uno dei due se ne andrà), ci sono alcune cose basilari che i bambini vogliono sempre sapere.

Sarà sicuramente difficile parlare con loro di questo argomento e dovrete sforzarvi di mobilitare la vostra parte più matura e saggia, ma sarete ricompensati nel tempo per avere dialogato con loro.

Idee per aiutarvi a pianificare la conversazione

1. Il Tono

Nonostante le vostre sensazioni siano dolorose, vi sentite pronti per accettare di contenere la rabbia, le accuse e le reazioni anche forti dei vostri figli? Sappiate che esprimere la vostra tristezza anche con le lacrime non è negativo.

Se, ad esempio, vedendo vostro figlio scoppiare in lacrime, sentite che anche voi siete tristi e che vi viene il pianto, non trattenetelo: potete esprimere anche voi il vostro dispiacere.

In fondo siete esseri umani e mostrare il vostro lato debole in questo caso non farà che fare sentire ai vostri figli quanto anche voi state soffrendo e che non c’è poi molta differenza tra voi e loro.

Siate il più naturali possibile e apritevi con loro, evitando di scendere nelle motivazioni più intime.

2. Non accusate il partner

Non strumentalizzate mai e poi mai questo momento delicato per mettere i vostri figli contro l’altro genitore. Non importa quanto siete arrabbiati con il vostro partner: denigrarlo significherebbe esporre i vostri figli ad esiti tragici.

Sono molti purtroppo i genitori che sono talmente arrabbiati da accusare il loro partner davanti ai figli; “Tua madre è cattiva, mi ha tradito”, oppure “Tuo padre è un irresponsabile, non ti vuole bene” e via dicendo sono frasi che molto spesso vengono dette da un genitore in via di divorzio.

Il risultato però è quello di mettere il figlio nella scomodissima posizione di dovere sentire parole negative sul loro padre o sulla loro madre, di dovere decidere con chi schierarsi e comunque di dovere esprimere, anche solo con se stesso, un giudizio verso l’altro genitore.

Questo stato di cose porta i bambini ed i ragazzi a vivere momenti contraddittori e penosi che potrebbero scatenare problematiche anche gravi dal punto di vista psicologico. Ecco perché è importante non parlare mai male dell’altro genitore ai vostri figli.

3. Ci sarete sempre

Rassicurare i figli dicendo loro che continuerete ad amarli ed a prendervi cura di loro anche dopo la separazione è molto importante. Al contrario, fornire dettagli inappropriati sul perché vi state separando o state divorziando è assolutamente controproducente.

Proprio come abbiamo accennato sopra, meglio tenere per sé le questioni di coppia, sono private. Potete discutere con il partner quanto volete, ma sempre e solo quando i vostri figli non sono presenti in casa e non possono sentirvi: chiudersi in camera e urlare non è consentito.

4. Fate un accordo

Se potete, prima di parlare con i vostri figli, elaborate un accordo provvisorio su come programmerete la vostra vita. In questo modo, nel momento in cui vi chiederanno dove vivranno, con chi e quando vedranno ognuno di voi, saprete cosa rispondere, anche se le cose potrebbero cambiare più avanti nel tempo.

Se avete affittato un’altra casa, dite loro che vi piacerebbe mostrargliela, ma fatelo solo dopo che la separazione sarà avvenuta.

Questo li aiuterà ad avere una visione più concreta di come sarà la loro vita nel prossimo futuro, mantenendo comunque il contatto con la realtà e non darà spazio a fantasie su una possibile riconciliazione, cosa che avviene spesso quando i bambini cercano di negare che qualcosa in famiglia non funziona. 

5. Non abbiate fretta

Date ai vostri figli il tempo di reagire.

Non interrompete le loro espressioni di dolore e accettate la loro rabbia, le loro paure e lacrime ed incoraggiateli a farvi le domande che vogliono, sia ora che in futuro.

Se invece preferiscono non parlarne, pianificate un altro momento in cui affrontare nuovamente la situazione, magari a distanza di qualche giorno. Questa conversazione dovrebbe essere la prima di molte altre, e aiuterà i vostri figli a mantenere con voi un rapporto di fiducia.

6. I bambini amano entrambi i genitori

Molte ricerche sul divorzio indicano che la stragrande maggioranza dei bambini ama entrambi i  genitori, desidera che tutti e due siano coinvolti nella loro vita dopo la separazione o il divorzio e vuole poter stare assieme sia al padre che alla madre, anche se in momenti diversi, in futuro.

Ecco perché dovete essere onesti sin da subito, evitando di escludere il partner dalla vita del figlio, cosa che avviene frequentemente quando non si va più d’accordo.

Di cosa hanno bisogno i figli

Ci sono molti punti fermi da ricordare che possono dare più sicurezza ai vostri figli durante e dopo la separazione. Cercate di rispettarli, non ve ne pentirete!

1. Avete cose molto importanti da dire.

Chi si separa causa involontariamente un terremoto nella vita del figlio o figlia.

A seconda dell’età, a cose fatte e a decisione presa, lui o lei devono essere informati in modo puntuale e onesto, ma non brutale.

Usate sempre parole delicate, espressioni coinvolgenti ma rispettose, e date la notizia in modo chiaro ma con molto tatto.

Non nascondete che la separazione, da momentanea, potrebbe trasformarsi in divorzio, se così accadrà, e dite con chiarezza che vivranno in case separate.

Comunicate tra quanto tempo avverranno i cambiamenti e dite che ogni nuovo sviluppo sarà loro comunicato subito, con amore e comprensione, lasciando spazio ai loro bisogni.

2. Loro non sono responsabili

Purtroppo accade spesso che i figli si sentano in qualche modo responsabili di ciò che sta avvenendo in famiglia.

Ecco perché è molto importante far loro sapere che non hanno assolutamente alcuna responsabilità o colpa e che la decisione di separarvi non è stata causata da loro e non è in alcun modo loro colpa.

La decisione che avete preso è stata molto difficile, dolorosa, triste ma soprattutto è stata una decisione adulta.

3. Non state divorziando da loro

Rassicurateli del fatto che la separazione o il divorzio tra mamma e papà non significa

che uno di voi sta divorziando da loro. Voi sarete, entrambi, sempre i loro genitori e non smetterete di amarli e di renderli parte della vostra vita una volta separati.

4. Spiegate ai vostri figli cosa succederà

Di fronte alla notizia della separazione, è normale che vostro figlio si chieda “che fine farà”: dove andrà a vivere e con chi, come, se potrà continuare a frequentare la stessa scuola anche se si trasferirà in un’ altra zona della città, e via dicendo.

Coinvolgetelo sempre e chiedete il suo parere: con chi preferirebbe vivere stabilmente? E’ vero, è molto doloroso, ma necessario prendere decisioni scrupolose per favorire il benessere di vostro figlio mettendo in secondo piano ciò che preferireste voi.

Ad esempio, si dovrà spostare tra due case, o vedrà un genitore più dell’altro? Come preferirebbe organizzare la sua vita con voi? Rassicurate loro che continueranno a vedere e stare con entrambi i genitori (a meno che non ci siano gravi problemi di abuso di droghe, malattie mentali, abusi sui minori, violenza).

5. possono amare sia mamma che papà

I bambini si chiedono se è giusto continuare a voler bene ad entrambi i loro genitori, e se volere bene ad uno significhi volere meno bene all’altro.

Questi conflitti interiori si scatenano sempre nella mente del bimbo ma anche dell’adolescente, che si sente quasi in colpa dell’amore che prova per mamma o papà.

Spiegate che è giusto continuare ad amare entrambi e che non volete che sentano di dovere prendere posizione.

6. Risolverete tutto

Se la vostra relazione è particolarmente conflittuale e litigate spesso con il partner, dite ai vostri figli che sia voi che la mamma o il papà lavorerete molto duramente per risolvere questa situazione, che non volete assolutamente metterli nel mezzo e che farete di tutto per farli vivere con serenità.

7. Chiedete aiuto Psicologico

Chiedete sempre l’aiuto psicologico, sia per la coppia che per i vostri figli: un professionista saprà indicarvi la strada migliore da seguire per rendere questo momento così difficile più sereno.

8. Date spiegazioni

Molti bambini vi chiederanno perché state divorziando o vi state separando.

E’ una reazione normale e legittima, ecco perché è giusto dar loro spiegazioni chiare ma con tatto.

Ecco alcune idee:

– Non siamo più felici di vivere insieme: ci abbiamo provato in tutti i modi, ma purtroppo non ci riusciamo  più. Ci vogliamo sempre bene, ma l’amore è finito, purtroppo. Ecco perché stiamo pensando di separarci: in questo modo, le cose si risolveranno o riavvicinandoci oppure con un divorzio, che è definitivo. Voi però ora non vi dovete preoccupare di questo: il tempo ci aiuterà a capire cosa fare per vivere serenamente.

-In questo momento siamo molto arrabbiati l’uno con l’altra, a volte litighiamo, e questo non è un buon modo di vivere sia per noi adulti che per voi bambini (o ragazzi, se sono adolescenti).

Abbiamo provato a fare andare meglio le cose, ma non ha funzionato: purtroppo siamo cambiati con gli anni, e non ci amiamo più.

– Ora le cose tra di noi vanno meglio, ma purtroppo non ci amiamo più. Negli anni vi abbiamo cresciuti e siamo stati molto felici insieme, ma ora le cose sono cambiate. Il nostro amore per voi resterà intatto per sempre, ma l’amore per un marito o per una moglie può invece affievolirsi.

Dott.ssa Alessia Pullano
Psicologa

Hai bisogno di una consulenza?




    Condividi su facebook
    Facebook
    Condividi su whatsapp
    WhatsApp
    Condividi su twitter
    Twitter
    Condividi su linkedin
    LinkedIn

    Di ciò che posso essere io per me, non solo non potete saper nulla voi, ma nulla neppure io stesso”Uno, Nessuno e Centomila – Luigi Pirandello Quante volte abbiamo sentito dentro un grande vuoto? Magari abbiamo anche pronunciato frasi del…

    Tutti noi abbiamo dei desideri da realizzare e dei sogni da inseguire eppure non tutti  riusciamo a farli diventare realtà e un motivo c’è sicuramente. Alcuni di noi, per esempio, per paura del fallimento, non ci provano nemmeno ad andare…

    Avete mai sentito parlare delle relazioni tossiche o ne avete mai vissuta una? Forse si, forse no..  Chi si ritrova in queste due parole, sicuramente, starà pensando a cosa ha dovuto “sopportare”, chi invece non l’hai mai sperimentata e non…

    Quante volte vi è capitato di vedere un film commovente e magari piangere insieme a chi, in prima persona, stava vivendo quel momento  particolare? Quante volte vi è capitato di dare una mano a quell’amica che ha chiesto il vostro…

    Iniziamo a conoscere meglio la dipendenza affettiva: come si evince dall’espressione stessa parliamo di una dipendenza e come tutte le dipendenze è un modo per cercare al di fuori se stessi. Attraverso questa “anomala” modalità cerchiamo di raggiungere la stima,…

    Quante  volte abbiamo pensato e detto frasi del tipo “ essere innamorati e innamorarsi è la cosa più bella che ci possa accadere”? Sicuramente in questa frase c’è del vero, non possiamo certo negare la forza dell’amore, ma c’ è…

    In questo articolo metteremo in rilievo come e quanto possa far male ad un figlio vivere in un contesto familiare caratterizzato da continui litigi, tra mamma e papà. Sicuramente fa male alla propria autostima, alla propria serenità e in un…

    Se sei triste quando sei da solo, probabilmente sei in cattiva compagniaJean-Paul Sartre La parola “solitudine” sembra spaventare o incutere paura, soprattutto nel periodo che stiamo vivendo attualmente. Il termine solitudine, oggi più che mai, viene infatti associato a quello…

    Oggi giorno tutto intorno a noi è diventato super-tecnologico, anche il nostro modo di rapportarci all’altro, il nostro modo di chiedere aiuto ad un professionista. Sono tanti infatti i professionisti che lavorano con le terapie online, che, appunto, avvengono  attraverso…

    Padre e madre esercitano funzioni diverse ma entrambe necessarie per il corretto sviluppo del bambino e, quindi, dell’adulto che egli diventerà.  La funzione paterna è normativa – ovvero impartisce regole – e di emancipazione, detta delle norme di comportamento e…